La legittima difesa è legge. Gratuito patrocinio, risarcimento, furto, scippo, rapina: ecco cosa cambia

Il provvedimento fortemente voluto da Salvini è passato in via definitiva con 201 sì, 38 no e sei astenuti.Il leader leghista: “Bellissimo giorno per gli italiani”. “Questo 28 marzo è un giorno bellissimo non per la Lega ma per gli italiani – afferma Salvini -. Dopo anni di chiacchiere e polemiche è stato sancito il sacrosanto diritto alla legittima difesa per chi viene aggredito a casa sua, nel suo bar, nel suo ristorante. Non si legittima il Far West ma si sta con i cittadini perbene”. Ecco le principali novità introdotte, ce le spiega il sito di skytg24: il testo non cancella l’intervento del magistrato per la valutazione dei fatti accaduti.

Proporzionalità – Nei casi di legittima difesa domiciliare si considera “sempre” sussistente il rapporto di proporzionalità tra la difesa e l’offesa. Inoltre si considera “sempre in stato di legittima difesa” chi, all’interno del domicilio (o nel negozio o nello studio professionale), respinge l’intrusione da parte di una o più persone “posta in essere con violenza o minaccia di uso di armi o di altri mezzi di coazione fisica”.

Leggi anche: Legittima difesa, ok dal Senato con 201 voti a favore: è legge

Grave turbamento – Il testo, affrontando i casi di eccesso colposo di legittima difesa, esclude la punibilità di chi ha agito per la salvaguardia della propria o altrui incolumità “in condizioni di grave turbamento, derivante dalla situazione di pericolo in atto”.

Nessuna azione civile risarcitoria – Si interviene anche sul Codice Civile escludendo la possibilità che chi è uscito assolto in sede penale dal reato di eccesso di legittima difesa, sia obbligato a rimborsare il danno causato dal fatto.

Gratuito patrocinio – Viene esteso a favore della persona nei cui confronti sia stata disposta l’archiviazione o il proscioglimento o il non luogo a procedere per fatti commessi in condizioni di legittima difesa o di eccesso colposo. Lo Stato può però rifarsi delle spese anticipate se, una volta riaperte le indagini, la persona sia poi condannata in via definitiva.

Leggi anche: Perugia, parla il prete armato: “I ladri? Non li perdono”

Violazione di domicilio – È elevata da sei mesi a un anno nel minimo e da tre a quattro anni nel massimo la pena detentiva per questo reato. Nel caso in cui la violazione è commessa con violenza su cose o persone, ovvero se il colpevole è palesemente armato, l’attuale pena da uno a cinque anni è innalzata da due a sei anni.

Furto o scippo – Per questi delitti la pena detentiva è inasprita nel minimo dagli attuali tre anni a quattro anni e nel massimo dagli attuali sei anni a sette anni.

Rapina – La pena della reclusione è elevata da 4 a 5 anni nel minimo, mentre resta fermo il massimo fissato a 10 anni. Sanzioni maggiori anche per le ipotesi aggravate e pluriaggravate.

Fonte sostenitori.info

Questa pagina è stata vista 22 volte, clicca sui bottoni qui sotto per condividerla!

Be the first to comment on "La legittima difesa è legge. Gratuito patrocinio, risarcimento, furto, scippo, rapina: ecco cosa cambia"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


scrivi la combinazione di numeri *

Grazie per averci visitato, oggi il blog è supportato da:




per chiudere questa finestra clicca sulla X

Resta aggiornato su wathsapp

Resta aggiornato su Telegram