Tre mazaresi a giudizio. Sono accusati di non aver soccorso i migranti in mare

«Erano da poco passate le 6 del mattino, ho sentito le urla e sono uscito dalla cabina. È stato l’inferno, c’erano centinaia di migranti in acqua. Qualcuno si aggrappava ai cadaveri o alle bottiglie d’acqua per cercare di restare a galla.

Ho iniziato con gli altri componenti dell’equipaggio e fatto salire quanti più possibili naufraghi, alla fine ne abbiamo salvati quarantasette». V. F., con gli occhi ancora lucidi, è il proprietario di un piccolo peschereccio, che il 3 ottobre del 2013 salvò quasi cinquanta migranti. L’eroe, non troppo celebrato, ha ricordato i tragici momenti che precedettero la strage in cui ci furono 366 morti accertati al largo di Lampedusa.

Lo ha fatto ieri mattina al processo, in corso davanti al giudice monocratico A. Q. , dove sono imputati, con l’accusa di omissione di soccorso, M. G. , 67 anni, di Mazara del Vallo, comandante di un peschereccio, e i componenti dell’equipaggio, quattro dei quali sono africani (tre tunisini e un senegalese) e due mazaresi. L’accusa per la quale sono stati rinviati a giudizio è quella di non avere soccorso i migranti nonostante i segnali di allarme.

(Fonte articolo: Tp24.it)

Questa pagina è stata vista 49 volte, clicca sui bottoni qui sotto per condividerla!

Be the first to comment on "Tre mazaresi a giudizio. Sono accusati di non aver soccorso i migranti in mare"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


scrivi la combinazione di numeri *

Grazie per averci visitato, oggi il blog è supportato da:




per chiudere questa finestra clicca sulla X

Resta aggiornato su wathsapp

Resta aggiornato su Telegram

Ricordiamo che questo sito fa uso di cookies per migliorare la navigazione e nel rispetto della privacy