Squali tra capofeto e calaspaghetti. La storia raccontata dai sub


“Un’esperienza traumatica. Fin da piccolo sono sempre andato a pescare, già a 6 anni ero completamente innamorato del mare e di questo mondo. Venerdì sono andato con mio padre per la classica pesca amatoriale, a Capo Feto, con la barca. Verso le ore 18, mentre che pescavamo, mi sono ritrovato accerchiato – inaspettatamente e con grande sorpresa – da tantissime ‘ricciòle’, pesci troppo buoni. Così ho sparato a quella più grossa con il fucile e ‘fortunatamente’ non l’ho presa. Era almeno cinque chili”.


“Perché non lo so davvero se sarei adesso qui a raccontarti quest’avventura… Il sangue del pesce avrebbe sicuramente attirato ancora di più gli squali. Intuivo, infatti, qualcosa di strano. Le ‘ricciòle’ dopo uno sparo di solito scappano e invece questa volta sono rimasti lì, vicino a me, come ‘a protezione’ di qualcosa. Non se ne sono affatto andate via. Ed ero felice in quel momento. Mai avevo visto tanti pesci vicino a me, tutti vicini tra di loro. Io, a questo punto, ho mirato nuovamente quella più grossa che prima avevo sbagliato. Ero pronto per sparare. Ero incredulo poiché sia questo pesce che molti altri sono rimasti attorno a me, senza allontanarsi. A un certo punto vedo un’ombra, una bestia di tre metri si avvicina a me. Un momento che non dimenticherò mai, mi si è bloccato tutto, non riuscivo a fare niente. Non sapevo tra l’altro cosa fare…”.


“Mio padre era già sulla barca, era rimasto un’ora in acqua ed era salito. Ma non sapevo come comunicare con lui, non potevo gridare, non potevo fare troppo ‘casino’, anche perché gli squali nel frattempo erano aumentati, mi giravo attorno e ne vedevo sempre di più… Enormi, immensi, giganteschi, dei bestioni a branco. Ecco perché prima ho detto ‘fortunatamente non l’ho uccisa’ la ‘ricciòla’’, il sangue avrebbe attratto gli squali, che già erano vicini, ad un passo da me. E avevo bisogno di guardarli, non potevo alzare la testa, avevo necessità di vedere quello che facevano. Ho alzato solamente la mano nella speranza che mio padre capisse che avevo bisogno di aiuto. Ma lui non lo capiva, ovviamente, dalla barca non ha notato nulla. Di solito peschiamo con la barca ancorata, io da una parte e mio padre dall’altra parte. Sono stato circa un minuto con gli squali che mi circondavano, un minuto interminabile. Si allontanavano un po’ e giravano, ed erano nuovamente vicino a me, così come le ‘ricciòle’ che mi circondavano”.


“Attorno ne avevo più o meno 7 o 8. Io stavo ‘morendo’, anche perché loro non se ne andavano. E fortunatamente mio padre ha capito finalmente che si doveva avvicinare a me. Non potevo dare a lui segnali troppo evidenti e mio papà vedendomi ‘sereno’ si è avvicinato quasi e solo per curiosità, come a dire ‘vediamo cosa ha preso mio figlio questa volta’. Io, per istinto (sbagliando), ho sparato un ultimo colpo alla ‘ricciòla’ e sono risalito per andare incontro a mio padre. Non so perché l’ho fatto, forse ancora non mi rendevo conto da chi fossi circondato in quel momento. E comunque ero quasi in superficie. Mio padre non ha visto niente, era concentrato a mettere la scaletta per farmi salire e tra l’altro non capiva il motivo per il quale io ho sparato e sono salito a razzo… Ero letteralmente ‘cagato’, ‘ghiacciato’, immobile”.


“Inaspettatamente il contrario di quello cui credevo. Gli squali che prima erano intorno a me, andavano e ritornavano, con le vibrazioni forse causate dal movimento della barca ha fatto si che gli stessi squali si allontanassero da me, tutti. Ma vedo passare nel frattempo un tappeto di squali sotto di me, una ventina più o meno. Tre metri di bestie, enormi”.


“Potevano essere degli squali Martello, con un muso così schiacciato e per il fatto che stanno in branco… Ma non ho la certezza assoluta. Cercavo di notare quando ero in mare se avessero la pinna bianca, ma non ho notato nient’altro purtroppo, solo il muso schiacciato”.


“L’anno scorso sono stato in Costa Rica ed ho fatto l’immersione con gli squali, ma ovviamente con l’istruttore, con gli squali con la pinna bianca che è innocuo, che non c’è alcun pericolo che attacchi l’uomo. E poi questi sono ‘piccolini’, massimo due metri. Questi invece erano tutti di tre metri e forse più. E cercavo qualche punto d’identificazione, una pinna colorata… Ma non ho visto nient’altro. Sono quasi sicuro che da ciò che ho potuto vedere e leggere in seguito, che si tratta di squalo Martello”.

La prima cosa che ho fatto. Ho avvisato la Capitaneria di Porto. Ho raccontato tutto quello che sto raccontando a voi”.


“Il periodo e il clima è strano, il mare negli ultimi giorni è stato calmissimo come non mai, piatto. Anche l’acqua è stata caldissima in questi giorni. Venerdì era addirittura 28 gradi. E lo dimostra anche il fatto che ci sono state tantissime meduse, anche a Torrazza. E di diverse specie, enormi. Magari le correnti calde e particolari hanno attirato questi squali… Ci sono state correnti di mare strane e con questa acqua calda molto probabilmente dalla costa africana si sono avvicinati a noi. Io pescavo in 7 metri d’acqua, non ero in acque profonde. A quest’altezza ci vanno anche tantissimi bagnanti a Capo Feto. Anche perché la spiaggia non era tanto lontana da dove eravamo noi. Proprio lì vicino c’è una scuola di kite, è una zona molto frequentata, la famosa ‘cala spaghetti’”.

Fonte Marsala live

Questa pagina è stata vista 60 volte, clicca sui bottoni qui sotto per condividerla!

Be the first to comment on "Squali tra capofeto e calaspaghetti. La storia raccontata dai sub"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


scrivi la combinazione di numeri *

Grazie per averci visitato, oggi il blog è supportato da:




per chiudere questa finestra clicca sulla X

Resta aggiornato su wathsapp

Resta aggiornato su Telegram

Ricordiamo che questo sito fa uso di cookies per migliorare la navigazione e nel rispetto della privacy